Requisiti minimi: tipologie di intervento

  • 0

Requisiti minimi: tipologie di intervento

requisiti minimiIl DM Requisiti Minimi, approvato in conferenza unificata lo scorso marzo, entrerà in vigore a partire dal 1° luglio 2015. Si tratta del decreto attuativo del DL 63/2013, convertito nella legge 90/2013 e andrà di fatto a sostituire il Dlgs 192/2005.

Molte sono le novità introdotte dal decreto, che definisce le modalità di applicazione della metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche e dell’uso delle fonti rinnovabili negli edifici. In sostanza stabilisce l’applicazione delle varie prescrizioni e requisiti minimi cui sono soggette le prestazioni energetiche degli edifici. Le prescrizioni variano in base alla categoria in cui ricade l’intervento, a seconda si abbia a che fare con una nuova costruzione, una ristrutturazione o una riqualificazione energetica. In questo ambito la novità sta nella nuova classificazione degli interventi, in cui vengono prese in considerazione categorie che non sono presenti nell’attuale normativa. L’individuazione della tipologia di intervento di riferimento è il primo passo per capire quali sono gli obblighi che dobbiamo rispettare, quindi cerchiamo di analizzarle una ad una.

  • NUOVA COSTRUZIONE, DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE, AMPLIAMENTO E SOPRA ELEVAZIONE. Il decreto chiarisce che si intende, per nuova costruzione, l’edificio per cui il titolo abitativo sia stato richiesto dopo il 1° luglio 2015. Stabilisce inoltre che rientrano tra gli edifici di nuova costruzione anche:
    • Demolizioni e ricostruzioni, qualunque sia il titolo abitativo necessario
    •  Ampliamenti degli edifici esistenti, realizzati all’esterno della sagoma, sia in adiacenza sia in sopra elevazione. Rientrano in questa categoria anche la chiusura di spazi aperti (logge, porticati e simili) e il recupero di volumi esistenti in precedenza non climatizzati, con relativo cambio di destinazione d’uso. Per questi interventi la verifica del rispetto dei requisiti deve essere condotta solo sulla nuova porzione di edificio. Le verifiche impiantistiche variano a seconda che gli ampliamenti siano connessi ai sistemi tecnici pre-esistenti o siano dotati di nuovi impianti tecnici.
  • RISTRUTTURAZIONI IMPORTANTI.  Per ristrutturazioni importanti si intendono gli interventi che interessano i componenti dell’involucro edilizio (opachi e trasparenti) che delimitano il volume climatizzato dall’ambiente esterno e da ambienti non climatizzati in misura superiore al 25% della superficie disperdente lorda complessiva dell’edificio. All’interno di questa categoria il decreto distingue tra:
    • Ristrutturazioni importanti di 1° livello – L’intervento interessa l’involucro con un’incidenza superiore al 50% del totale e comprende anche la ristrutturazione dell’impianto termico asservito all’edificio.
    • Ristrutturazioni importanti di 2° livello – L’intervento interessa l’involucro con un’incidenza superiore al 25% del totale e può interessare o meno l’impianto termico.
  • RIQUALIFICAZIONI ENERGETICHE. Rientrano in questa categoria gli interventi non classificabili come ristrutturazioni importanti e che hanno comunque un impatto sulle prestazioni energetiche dell’edificio; quindi gli interventi che coinvolgono una superficie di involucro inferiore al 25% del totale e/o le nuove installazioni o ristrutturazioni di un impianto termico asservito all’edificio

Sono definite anche le categorie di intervento che restano escluse dall’applicazione dei requisiti minimi:

  • Interventi sull’involucro che coinvolgono solo la parte di finitura, ininfluenti del punto di vista termico
  • Rifacimento di porzioni di intonaco che interessino una superficie inferiore al 10% della superficie disperdente lorda

Infine è prevista una deroga per le riqualificazioni che prevedono l’isolamento termico della superficie opaca interna o l’isolamento in intercapedine. Per queste tipologie di intervento i valori di trasmittanza limite indicati nell’appendice B del decreto possono essere incrementati del 30%.

L’individuazione della corretta categoria  di intervento è assolutamente importante in fase di progettazione in quanto da essa dipendono le verifiche prestazionali da effettuare e le prescrizioni da rispettare. Trascurarle può significare commettere errori progettuali difficilmente risolvibili in fase di realizzazione se non con sovra-costi imbarazzanti da giustificare.

 

 


  • 0

Sistema domotico: 7 requisiti fondamentali

sistema domotico

Un sistema domotico deve essere in grado di controllare e gestire, a livello globale, gli impianti presenti all’interno di un’abitazione. A tale scopo è necessario un buon livello di integrazione tra i diversi impianti, che possono essere suddivisi per tipologia:

  • Sicurezza
  • Gestione comfort ambientale
  • Gestione utenze elettriche
  • Gestione comunicazioni
  • Gestione apparati audio video

Gli elementi che costituiscono un sistema domotico sono:

  • Centrale di controllo
  • Sensori
  • Attuatori
  • Interfacce utente

A prescindere dal livello di complessità e dal metodo utilizzato per la comunicazione tra la centrale di controllo e gli altri componenti, esistono dei requisiti fondamentali di cui un sistema domotico non può fare a meno.

  1. INTEGRAZIONE. E’ la capacità del sistema di dialogare con i diversi impianti per poterli gestire in maniera comune. Ciò significa anche garantire la possibilità di interazione tra componenti di impianti diversi. Ad esempio il poter utilizzare un sensore di presenza sia per l’impianto anti-intrusione, sia per l’impianto di illuminazione, sia per quello di climatizzazione.
  2. FLESSIBILITA’. Capacità di sapersi adattare alle esigenze dell’utente, o meglio, ai possibili cambiamenti nel tempo di tali esigenze. L’adattamento del sistema domotico deve avvenire attraverso modifiche a livello software, senza bisogno di intervenire pesantemente sull’hardware.
  3. SEMPLICITA’. Il valore aggiunto di un sistema domotico funzionale consiste proprio nel consentire all’utente di gestire, in modo molto semplice, impianti e tecnologie complesse. A tal fine è fondamentale l’utilizzo di interfacce utente che possano adattarsi alle esigenze di qualunque tipo di utilizzatore.
  4. AFFIDABILITA’. Si ottiene attraverso l’utilizzo di componenti elettronici e software garantiti in modo che il sistema conservi nel tempo le sue caratteristiche prestazionali; avendo cura di evitare sovratensioni ai componenti per mezzo di opportuni scaricatori; evitando surriscaldamenti della centralina ponendo attenzione alla ventilazione.
  5. APERTURA. Un sistema domotico deve essere aperto sia nei confronti di altre componenti e tecnologie presenti sul mercato, sia nei confronti del mondo esterno. Pertanto deve riuscire con facilità ad implementare componenti che usano tecnologie diverse (quindi non un sistema proprietario) e a comunicare via telefono, via internet, ecc.
  6. CONTINUITA’ DI FUNZIONAMENTO. Data la quantità di impianti gestiti è importante evitare interruzioni di funzionamento per mezzo di batterie tampone, gruppi soccorritori, ups o di un gruppo elettrogeno, se necessario. E’ importante che la centrale di controllo sia dotata di un sistema di autodiagnosi per facilitare la manutenzione. In ogni caso è bene prevedere comandi manuali per certi tipi di impianto.
  7. ESPANDIBILITA’. La centrale di controllo deve prevedere la possibilità di aggiungere nuovi componenti in un secondo tempo. Deve potersi adattare a future modifiche o integrazioni di impianti.

  • 0

Diagnosi energetica per gli edifici

Diagnosi energetica e certificazione energetica. Quali sono i punti di contatto e quali le differenze? La diagnosi energetica in generale ė definita dal D.Lgs. 115/08 come una procedura sistematica volta a:

  • fornire un’adeguata conoscenza del profilo di consumo energetico di un edificio o gruppo di edifici, di un’attività o impianto industriale o di servizi pubblici o privati;
  • individuare e quantificare le opportunità di risparmio energetico sotto il profilo costi-benefici;
  • riferire in merito ai risultati.

Per quanto riguarda in particolare gli edifici , il quadro normativo pone la diagnosi energetica come punto di partenza e strumento necessario alla certificazione energetica per individuare gli interventi di miglioramento dell’efficienza più indicati ed economicamente più vantaggiosi. In quest’ottica può essere vista come una componente del processo di certificazione energetica, ma in realtà la diagnosi energetica di un edificio è qualcosa di più. Si tratta di uno strumento molto potente se posto alla base di un processo serio e ragionato di riqualificazione energetica.

diagnosi energetica

Se infatti la certificazione energetica è un processo volto a fornire un documento che attesti la qualità di un sistema edificio-impianto e a dare una indicazione generale sui possibili miglioramenti, la diagnosi energetica, effettuata con la procedura A3 “tailored rating” (UNI TS 11300), si spinge oltre. Innanzitutto il sistema edificio-impianto è analizzato nelle condizioni di utilizzo reali e non in quelle standard; il che significa considerare:

  • le condizioni di clima reale invece di quelle standard di riferimento, ad esempio raccogliendo i dati storici dei gradi giorno degli anni precedenti
  • le condizioni di utilizzo reale, ovvero riferirsi alle abitudini degli occupanti riguardo alla gestione degli impianti, delle temperature interne, delle intermittenze.

Tutto questo permette di costruire un modello che può essere confrontato con i dati sui consumi energetici degli anni precedenti, evidenziando possibili “cattive abitudini di gestione” che possono portare a inefficienze. La correzione di questi errori porta già di per sé a un beneficio economico. Inoltre, scopo della diagnosi è quello di individuare modalità con cui ridurre il fabbisogno energetico e valutare i possibili interventi sotto il profilo costi-benefici. La fattibilità non è valutata solo dal punto di vista tecnico ma anche da quello economico. Gli interventi analizzati sono a diverso livello di impatto e spesso possono essere consequenziali. In sostanza, la diagnosi energetica definisce una vera e propria strategia per il miglioramento dell’efficienza energetica che può essere messa in atto anche in fasi differenti nel corso degli anni.

Si tratta chiaramente di un’attività onerosa, ma una diagnosi di qualità é uno strumento potente per chiunque sia interessato al miglioramento e al risparmio (energetico ed economico) di un edificio.